Archivio

filter_list Filtra l’archivio per:
label_outline Categorie
insert_invitation Anno
whatshot Argomenti
person Autore
remove_red_eye Visualizza come:
list Lista
view_module Anteprima

“Bachelor’s Affairs” tra illusione e resa dei conti

Bachelor’s affairs (1932) di Alfred L.Werker, tratto dalla commedia Precious di James Forbes andata in scena con grande successo nei teatri di Broadway nel 1929, è un esempio abbastanza classico e, per così dire, “medio“ di commedia sofisticata, dominata dalla parola e realizzata prima che la follia screwball prendesse il sopravvento arricchendo i migliori esempi del filone di una carica di irriverente follia capace di destabilizzare e capovolgere le realtà sociali di partenza. Nella vicenda di un ricco e bon vivant playboy avanti con gli anni che si invaghisce di un’avvenente quanto sciocca giovane ragazza di provincia finendo per sposarla, con i conseguenti e inevitabili problemi causati dalla differenza anagrafica, troviamo quindi le caratteristiche principali della commedia statunitense dei primissimi anni del sonoro

“Bachelor’s Affairs” di Alfred L. Werker al Cinema Ritrovato 2018

Bachelor’s Affairs di Alfred L. Werker è una commedia romantica di quel più ampio genere che, negli anni Trenta, tentava di far dimenticare al suo pubblico la Depressione ed i problemi che essa portava con sé. Così in quel mondo tutto dorato, che questo film ritrae, è immancabile il lieto fine, così come sono indubbi i begli abiti, le lussuose ambientazioni déco e la vita pacifica e serena, nonostante le piccole avversità di un matrimonio sbagliato. La cattiva sorella maggiore Stella viene punita per i suoi tentativi di arrivismo, ma la sua miseria, quella che l’ha trasformata in arrivista, è solo apparentemente accennata in qualche dialogo, ma mai approfondita: per lei non c’è alcuna pietà. Ciò che trionfa è l’amore vero che vede il buon Andrew felice, per aver sistemato la piccola Eva ed anche per aver trovato una compagna più adatta alle sue esigenze.