Archivio

filter_list Filtra l’archivio per:
label_outline Categorie
insert_invitation Anno
whatshot Argomenti
person Autore
remove_red_eye Visualizza come:
list Lista
view_module Anteprima

“Getaway!”: un western metropolitano al ritmo di armonica

Getaway! conserva molti degli elementi formali che caratterizzano la precedente filmografia di Peckinpah. Nella sequenza iniziale i titoli di testa scanditi da ripetuti fermo-immagini, il montaggio del sonoro diegetico sincronizzato e l’alternanza frenetica di momenti di vita carceraria sono funzionali a restituire la claustrofobia e l’estenuante ripetitività delle giornate di Doc e della sua condizione di detenuto. Condizione che non durerà ancora per molto, dato che la moglie Carol intercederà con un potente uomo d’affari corrotto, che lo farà uscire di prigione chiedendogli però in cambio di organizzare una grossa rapina in banca. Un montaggio serrato, quasi rabbioso, tipico del cinema di Peckinpah, è qui sostenuto da un impianto sonoro potente e insolito.

 

New York Stories: “Taxi Driver” e il commento musicale

Nella filmografia sulla Grande Mela, un posto speciale lo occupa ovviamente Martin Scorsese con numerosi suoi film. In Taxi Driver la città è quella del dopo-Vietnam e del picco di criminalità. Ecco come potremmo rileggere il film, con particolare attenzione alla colonna sonora.