Archivio

filter_list Filtra l’archivio per:
label_outline Categorie
insert_invitation Anno
whatshot Argomenti
person Autore
remove_red_eye Visualizza come:
list Lista
view_module Anteprima

“Un homme marche dans la ville”: la vita quotidiana dei portuali di Le Havre

Al di là della vicenda amorosa, lo sguardo di Pagliero si sofferma ad osservare, con occhio oggettivo e mai critico, la vita quotidiana dei portuali di Le Havre: il lavoro delle squadre, il corporativismo (eloquente in tal senso la scena iniziale con gli altoparlanti che annunciano i criteri di assunzione), il ruolo dei capicantiere e del padrone che controlla e condanna, così come quello del sindacato attraverso la vicenda del povero uomo di colore malato di tubercolosi che rifiuta di far valere i suoi diritti e che morirà dopo una breve agonia. 

“Gli amanti del fiume” di Marcello Pagliero al Cinema Ritrovato 2018

Dopo il dramma portuale Un homme marche dans la ville, l’incasellabile Marcello Pagliero torna al film acquatico, avventurandosi stavolta sulle chiatte che percorrono la Senna perché impiegate nell’industria del trasporto fluviale. Naturalmente appena sullo schermo si vede un’imbarcazione di quel tipo l’evocazione de L’Atalante diventa ineludibile, ma è forse più interessante confrontare Gli amanti del fiume – una delle poche opere tra quelle girate all’estero dal regista ad aver goduto di una circolazione italiana – con Un homme,  per le assonanze e le corrispondenze che invece non sussistono col film realizzato tra questi due, il mondano La Rose rouge.

“Un homme marche dans la ville” di Marcello Pagliero al Cinema Ritrovato 2018

Quattro anni dopo lo sfortunato e maledetto Roma città libera, Marcello Pagliero, emigrato in Francia, realizzò quello che è generalmente considerato il suo capolavoro, mai uscito in Italia e al contempo considerato oltralpe un piccolo classico. Non stupisce questa ricezione così radicalmente diversa tra la patria del regista e la terra d’accoglienza: tratto dal romanzo di Jean Jausion edito nel 1945, Un homme marche dans la ville è tutto dentro l’orizzonte francese. Si inserisce nella prospettiva di quel “cinema portuale” che ha in Francia una storica tradizione, dalla trilogia marsigliese di Marcel Pagnol fino all’opera pressoché omnia di Robert Guédiguian, passando per L’Atalante e Il porto delle nebbie, solo per citare alcuni esempi.